PROGETTO “TERAPEUTICA ARTISTICA”

Novara, 25 luglio 2017 - La Struttura Complessa Medicina Interna 2, diretta dal dott. Mauro Campanini, è stata teatro di un’iniziativa di “Terapeutica Artistica”, frutto del progetto di tesi di laurea di Francesca Leone, dal titolo “Trame interiori”.

L’idea è quella di rendere più confortevole il periodo di degenza delle persone più fragili, compromesse ed allettate, per lo più anziani.
Il progetto consiste nell’utilizzare la carta velina, materiale leggero e morbido da manipolare, per realizzare dei fili di carta arrotolata.
La scelta di produrre fili di carta si riconduce al significato culturale del filo: c’è il filo del pensiero, il filo del discorso, il filo di voce. Ma il filo è anche metafora della vita che nasce, prosegue, si aggroviglia, si unisce ad altri fili per creare la trama e l’ordito.
Tutti i fili creati vengono poi colorati con la tecnica della spugnatura ed inseriti all’interno di un telaio di legno che va a costituire il prodotto artistico che, in virtù della partecipazione alla sua realizzazione anche da parte di operatori e di visitatori oltre che dei pazienti e degli studenti in Terapeutica Artistica, prende il nome di Opera Condivisa.
La condivisione nel realizzare un’opera d’arte comune rende tutte le persone partecipanti sullo stesso piano: infermieri, medici, pazienti, parenti, artisti, lavorano unitamente mantenendo intatta la propria individualità e personalità.

Durante le fasi della messa in opera del progetto, che ha avuto come tutor aziendale la psicologa dott.ssa Silvia Beltrami, gli aderenti all’attività hanno sperimentato una dimensione emozionale di gratificazione intessendo una rete dialogica artistica che valorizza il contributo individuale e rafforza il senso di padronanza e capacità, andando al contempo ad agire sull’autostima; il tutto con un ritorno di senso di appartenenza ad un gruppo che conferma e restituisce dignità alla persona.

La formazione biennale in Terapeutica Artistica” si realizza in un percorso innovativo che sviluppa nell’artista le competenze del terapista, al fine di giungere ad una qualificazione idonea ad operare in ambito educativo socio-sanitario.

A partire dai suoi esordi, la “Terapeutica Artistica” opera in reparti ospedalieri, associazioni, centri psico-sociali, scuole e carceri. Pertanto gli attori di questo fare artistico condiviso hanno provenienze e caratteristiche estremamente eterogenee e proprio come le voci di un coro caratterizzate da tante tonalità e colori trovano una possibilità partecipativa ed un riconoscimento della propria identità nell'Opera Condivisa.

La Struttura Semplice Psicologia Clinica, diretta dalla dott.ssa Daniela Cella, sempre più spesso negli ultimi anni è stata coinvolta in attività per la realizzazione di risposte formative e progettuali flessibili adattabili ai diversi contesti ospedalieri, parallelamente ad attività di sviluppo delle competenze terapeutiche psichiche e relazionali degli operatori.
La struttura ha aderito, lo scorso anno, alla proposta di attivazione della convenzione con l’Accademia di Belle Arti di Brera finalizzata a sostenere il ruolo professionale dell’Artista terapista tirocinante nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Maggiore della Carità di Novara e ha sostenuto e supervisionato lo sviluppo del primo dei percorsi progettuali attivati in azienda.