FACCIAMO LUCE SUL TUMORE DEL PANCREAS

Novara, 5 ottobre 2017: Sabato 14 ottobre, si terrà la prima edizione dell’evento “Novara vs KPancreas”, appuntamento organizzato dalla onlus Avanguardia gastroenterologica in collaborazione con l’associazione sportiva New Run T. L’evento, patrocinato da Comune, Provincia, Regione Piemonte, Azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” e Università del Piemonte orientale ha come finalità quella della sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto a una malattia che ogni anno, in Italia, colpisce numerosissime persone.

La giornata del 14 ottobre 2017, che ha anche la finalità di reperire fondi per ottenere progetti nella lotta contro il tumore del pancreas, è articolata in una corsa non competitiva per il centro di Novara, organizzata in collaborazione con l’associazione “New Run T.” e con il patrocinio del Comune di Novara, e nel convegno scientifico-divulgativo “Facciamo luce sul tumore del pancreas” nella Sala del Compasso della basilica di San Gaudenzio, su coordinamento della onlus “Avanguardia gastroenterologia”.

<<Il tumore del pancreas – spiega il dottor Pietro Occhipinti, direttore della Scdo Gastroenterologia dell’Aou e presidente della onlus Avanguardia gastroenterologica – colpisce ogni anno in Italia tredicimila persone di età compresa tra i 60 e gli 80 anni. Solo il quindici-venti per cento dei tumori del pancreas alla diagnosi è operabile e nonostante i trattamenti il tasso di sopravvivenza a cinque anni è di circa il sette-otto per cento. Purtroppo il tumore del pancreas in fase precoce non manifesta sintomi particolari e, anche quando sono presenti, i sintomi sono poco specifici e possono essere interpretati in modo errato sia dai pazienti, sia anche dai medici. L’obiettivo dell’evento “Novara vs KPancreas”, alla sua prima edizione, è quello di sensibilizzare la comunità novarese sui fattori di rischio, sulla possibilità di prevenzione, sulle possibilità diagnostiche terapeutiche e palliative di questo tumore. Sarà un ulteriore obiettivo quello di comunicare alla popolazione novarese i livelli di eccellenza presenti presso l’Azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” di Novara nel percorso diagnostico-terapeutico di questa patologia>>.

Programma