Azienda ospedaliero universitaria di rilievo nazionale ed alta specializzazione Maggiore della carità Novara

» Visualizzazione predefinita
Top della pagina
» Salta al menu
» Salta al contenuto
 
Contenuto
Maggiore Informazione
 
Bussola dei valori 2019

2° Giornata della Bussola dei Valori della Rete Oncologica Piemonte e Valle d’Aosta

Novara 13 marzo 2019 - Il 21 marzo si celebra in tutte le Aziende Sanitarie della Regione Piemonte e Valle d’Aosta la Giornata della Bussola dei Valori della Rete Oncologica del Piemonte e Valle d’Aosta, alla sua 2° edizione, per testimoniare l’impegno degli operatori per far crescere i valori che ne sostengono l’attività quotidiana spesa a fianco dei pazienti affetti da malattie oncologiche.
La Rete Oncologica, primo modello di Rete a livello nazionale, è costituita dai professionisti di tutte le Aziende Sanitarie del Piemonte e Valle d’Aosta che assistono le persone affette da patologie tumorali. È stata artefice di una nuova modalità operativa di accoglienza del paziente, che può accedere in modo rapido ed appropriato ai percorsi di diagnosi e cura indipendentemente da dove vive, e di una presa in cura del paziente stesso e della sua famiglia ricca di valori come la comunicazione, il dialogo, la dignità, la solidarietà, la sostenibilità, la formazione e la qualità, che “fanno la differenza”.
Grazie alla Rete gli operatori sanitari hanno infatti progressivamente imparato a lavorare insieme e a spostare l’attenzione “dalla malattia al malato”, assicurando una valutazione completa delle problematiche legate al singolo: il paziente non è la malattia, ma la persona malata - cittadino, madre, padre, marito, moglie o figlio – che ha bisogno di diagnosi e cura, ma anche di supporto psicologico, sociale, assistenziale. Tutto questo ha portato alla nascita e allo sviluppo sia dei Centri Accoglienza e Servizi (CAS), strutture di riferimento per il paziente con sospetto o recente diagnosi di cancro, che si occupano di accoglierlo, assisterlo e orientarlo attivando il percorso di diagnosi e tutto quanto necessario a supportare lui e la sua famiglia dal punto di vista psico-sociale, sia dei Gruppi Interdisciplinari e Cure (GIC) che al termine del percorso diagnostico valutano ogni singolo paziente impostando il programma coordinato di cura attraverso una valutazione simultanea e multidisciplinare da parte di tutti gli Specialisti coinvolti… insomma una vera e propria équipe medica che basa la propria operatività sulla comunicazione e la condivisione interdisciplinare.

Anche il nostro Territorio (Area omogenea del Piemonte Nord Est) è stato “catturato nella Rete” e ha saputo intrecciare i nodi fondamentali in ciascuna Azienda Sanitaria: è così che troviamo il Centro Accoglienza e Servizi (CAS) presso l’ASL di Biella, l’ASL di Novara, l’ASL del Verbano Cusio Ossola, l’ASL di Vercelli e l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Novara, al quale si rivolge il paziente stesso, oppure è inviato da parte del Medico di Medicina Generale o da qualsiasi Specialista del Territorio e dell’Ospedale in presenza di un alto sospetto di patologia tumorale.
E troviamo i Gruppi Interdisciplinari Cure (GIC), con Specialisti di diverse discipline della medesima Azienda o di Aziende dell’Area, a seconda delle caratteristiche della patologia da trattare. La regia di questi percorsi di diagnosi e cura è affidata a ciascun CAS, che si coordina con i GIC aziendali e di Area, permettendo a ciascun paziente un’appropriata valutazione del proprio caso. Il ruolo di Centro di Riferimento di Area è svolto dall’Azienda Ospedaliero Universitaria (AOU) “Maggiore della Carità di Novara - “hub” per il Piemonte Nord Est – che offre un’assistenza qualificata per tutte le patologie complesse dell’ambito territoriale.

Tutti i CAS collaborano in modo stretto con il Volontariato che rappresenta una risorsa preziosa che affianca i professionisti sanitari nelle diverse tappe della malattia oncologica. Molte Associazioni sono impegnate nella diffusione di programmi di prevenzione dei tumori, organizzano eventi rivolti alla popolazione e si occupano di prevenzione secondaria, finanziando visite preventive gratuite. Il loro contributo è rivolto anche ai progetti di miglioramento dell’accoglienza con l’acquisto di arredi e attrezzature sanitarie, al trasferimento dal domicilio ad altre sedi o ad interventi di supporto domiciliare per le persone più fragili e nella delicata fase di malattia avanzata e nel fine-vita garantendo la loro presenza sia in Hospice che al domicilio.
I Volontari, con la loro presenza discreta, cercano di mettere a proprio agio e di supportare i pazienti, le loro famiglie e gli operatori impegnati nell’assistenza oncologica.

DOVE TROVARE I CAS DELL’AREA PIEMONTE NORD EST:
AOU Novara
Una sede centrale presso il reparto di Oncologia dell’Ospedale Maggiore della Carità di Novara - Pad. E, piano terra
11 sportelli delocalizzati, coinvolti nel percorso oncologico, in Chirurgia, Urologia, Ginecologia, Otorinolaringoiatria, Ematologia, Radioterapia, Epatologia, Endocrinologia, Neurochirurgia, Dermatologia, Pneumologia e Maxillo-facciale

ASL BI Una sede centrale presso l’Ospedale degli Infermi di Ponderano (BI) presso Degenza Est, 3° piano, Settore C
Uno sportello delocalizzato presso Degenza Ovest, 2° piano

ASL NO Una sede centrale presso il reparto di Oncologia dell’Ospedale di Borgomanero, viale Zoppis, 10 - Palazzina G, 3° piano (*)
3 sportelli delocalizzati in Chirurgia, Urologia e Ginecologia

ASL VC Una sede centrale presso l’Ospedale di Vercelli, c.so Mario Abbiate, 21, piano terra,
percorso, D, Viola
Una sede centrale presso l’Ospedale S.S. Pietro e Paolo di Borgosesia, via Ilorini MO 20 –
primo piano, percorso arancione

ASL VCO Una sede centrale presso l’Oncologia dell'Ospedale Castelli di Verbania
Una sede satellite presso l'Ospedale San Biagio di Domodossola

 * Recentemente si è sviluppata in ASL NO una collaborazione stretta tra CAS e Territorio, che ha permesso una miglior definizione dei percorsi di diagnosi e cura grazie alla sinergia con i Distretti e i Medici di Medicina Generale, con gli Enti Gestori e la Rete locale di Volontariato.

  II° GIORNATA DELLA BUSSOLA DEI VALORI: LE INIZIATIVE SUL TERRITORIO

Azienda Ospedaliero Universitaria “Maggiore della Carità di Novara”
Sabato 23 marzo 2019, dalle 11.00 alle 17.00, a Novara in piazza della Repubblica (di fronte al Duomo) sarà allestito uno stand dove sarà presente personale Medico, Infermieristico, Assistenti Sociali, Psico-Oncologi, Dietologi, in collaborazione con i Volontari delle Associazioni del territorio, per presentare alla cittadinanza il Centro Accoglienza e Servizi (CAS) dell’Ospedale Maggiore e la sua articolazione, per distribuire materiale informativo e per promuovere le attività svolte nell’ambito della prevenzione oncologica. La Lega Italiana per la lotta contro i tumori Sezione di Novara presenterà il Codice Europeo contro il Cancro.

ASL BI
Sabato 23 marzo 2019, dalle 9.30 alle 19.00, presso il Centro Commerciale “Gli Orsi” di Biella personale Medico e Infermieristico, in collaborazione con i Volontari delle Associazioni del territorio, saranno a disposizione della cittadinanza per promuovere le attività svolte in ambito oncologico.

ASL NO
Sabato 23 marzo 2019, dalle 15.00 alle 18.00 sarà allestito in piazza Martiri della Libertà a Borgomanero uno stand presso il quale saranno presenti personale Medico e Infermieristico del reparto di Oncologia dell’ASL NO, in collaborazione con i Volontari dell’Associazione “Mimosa Amici del Day Hospital Oncologico di Borgomanero”, per distribuire materiale informativo sui Centri di Accoglienza e Servizi e il Codice Europeo contro il cancro, per promuovere le attività svolte nell’ambito della campagna anti tabagismo e le attività di screening. Alle 15.00 prenderà il via inoltre, dalla piazza stessa, il corso di fit walking e ginnastica posturale.

ASL VC
Mercoledì 21 marzo 2019, dalle 9.00 alle 13.00, presso la sede del CAS dell’Ospedale S. Andrea di Vercelli (c.so Mario Abbiate, 21, piano terra, percorso, D, Viola) e dell’Ospedale di Borgosesia (via Ilorini MO 20 – primo piano, percorso arancione) personale Medico e Infermieristico, in collaborazione con i Volontari delle Associazioni di settore, incontreranno la cittadinanza per fornire informazioni e promuovere le attività svolte in ambito oncologico.

ASL VCO
Giovedì 21 marzo 2019, dalle 14.30 alle 17.00 presso l’Ospedale Castelli di Verbania il personale Medico e Infermieristico incontrerà i cittadini per illustrare l'attività svolta dall'ASL VCO per la prevenzione del cancro, secondo i 12 punti del Codice Europeo e la sua cura.
Saranno allestiti degli stand per ricreare i percorsi aziendali, dal primo step “sospetto di malattia” a cura del Medico di Medicina Generale e/o dello Specialista che “accende” il percorso, proseguendo con la presa in carico: CAS, GIC, trattamenti chirurgici/radioterapici/chemioterapici/fisioterapici/ altri trattamenti, fino alle Cure Territoriali e all’Hospice.
Saranno inoltre descritte tutte le attività di sostegno messe in atto con il progetto “Solidarietà” realizzato grazie alla collaborazione delle Associazioni di Volontariato e di Pubblica Tutela rivolte ai pazienti oncologici.

 
 
 
"Maggiore Informazione" testata giornalistica dell'A.O.U. Maggiore della Carità, registrata presso il tribunale di Novara al n. 229 del 19.3.2007.
Direttore responsabile: Eleonora Cecot - Redazione: ufficiostampa@maggioreosp.novara.it
 
 
Torna all'inizio